.
Annunci online

Autobiografia tragicomica
saudade
post pubblicato in (Do) I love Milano (?), il 20 ottobre 2009
Milano.
Non avrei mai pensato che mi sarebbe mancata così tanto.
O forse è la vita che facevo là, non Milano in sé. Anzi, sicuramente è così. Perché Milano è, e resta, un posto invivibile. Ma in quel posto invivibile avevo trovato una mia dimensione.
Uscire la sera senza dover fare 20 km per raggiungere il primo avamposto di civiltà. Un appartamento mio. Gestirmi il mio tempo. L'aperitivo. Le serate a vagabondare attraversando la città perché non ci sono abbastanza soldi per il taxi. La Galleria deserta alle quattro del mattino. Il rumore del tram. Il tremolio della metropolitana. La folla in cui perdersi. Le stazioni. I negozi. I palazzi liberty, quasi tutti con una farmacia nell'angolo (quasi che il liberty porti sfiga). I vicoli del centro storico. I grandi viali di periferia. I grattacieli e le case a ringhiera. Il ritrovo radical chic di fianco al locale fighetto pieno di brianzoli figli di Papi.
Senza contare le persone.
Mi manca Milano.



permalink | inviato da ScarletMilk il 20/10/2009 alle 14:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
Sfoglia settembre       
tag cloud
links
calendario
cerca